Parco dei Nebrodi

Da oggi è più facile percorrere a piedi circa 70 chilometri di sentieri all’interno del Parco dei Nebrodi. Grazie ad un progetto dell’Ente Parco e del Cai Sicilia, infatti, sono stati tracciati e segnati tre tratti del cosiddetto “Sentiero Italia”, la “spina dorsale” della rete sentieristica nazionale, con 350 tappe per un totale di oltre 6000 chilometri, che collega le montagne italiane da Santa Teresa di Gallura, in Sardegna, fino a Trieste attraverso le isole maggiori, gli Appennini e le Alpi.

La realizzazione del “Sentiero Italia”, quale opera strategica della rete ecologica siciliana, è prevista in tutta la regione. Quello appena completato è uno dei primi tratti ben segnati e fruibili nell’Isola. In buona parte segue la pista “Dorsale dei Nebrodi”, in altri è stato segnato su piste parallele, tracce di sentiero alternative che consentono di accorciare il tragitto riservandolo solo ad escursionisti a piedi. Nei quasi 70 chilometri di cammino la maggior parte si percorrono dentro fittissime faggete, intervallate a volta da pascoli e radure o dai passaggi in riva a laghi o corsi d’acqua. Il periodo consigliato per il trekking va da maggio a novembre. Nei mesi invernali alcuni tratti si prestano ad attività sportive come lo sci di fondo, lo sci escursionistico e le passeggiate con le ciaspole. La segnaletica orizzontale, anche sugli alberi, prevede infatti di essere seguita anche con innevamento.

Accanto al tracciato principale, segnato da est a ovest, si possono percorrere da nord a sud varianti e bretelle che collegano il “Sentiero Italia” a diverse località sparse nei territori dei Comuni del Parco. L’escursionista potrà quindi scegliere di iniziare o modificare il proprio itinerario percorrendo queste bretelle o programmando itinerari ad anello. I Comuni possono diventare punti di riferimento per le tappe. Il Cai ha proposto di ottimizzare la fruizione dell’intero tracciato organizzando una vera e propria “rete sentieristica”. Nelle capannine, poste nelle quattro portelle principali (Contrasto, Obolo, Femmina Morta e Mitta), sono montati pannelli illustrativi con le relative tappe, descrizioni, informazioni e mappa d’insieme in scala 1/50000 fornita dal Parco.

“Con questa iniziativa del Sentiero Italia, proposta e realizzata dal Cai – dichiara il presidente regionale del Club alpino, Mario Vaccarella – il Parco dei Nebrodi si è posto in posizione primaria fra i Parchi siciliani con una segnaletica organica, e speriamo monitorata negli anni, nella Dorsale, l’asse principale della sentieristica, collegata alla Rete escursionistica italiana che sarà percorsa nel 2013 a piedi in occasione del 150° anniversario della fondazione del Cai”. (www.caisicilia.it)

FONTE: Club Alpino Italiano – regione Sicilia

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.