Degustazioni e Recenzioni: Bolgheri Sassicaia DOC 2004, Magnum

Questa è (era) una bottiglia della riserva personale del Marchese Nicolò Incisa della Rocchetta.
Il vino si presenta di una bellissima lucentezza; di un colore rosso rubino intenso, ancora tendente al cardinalizio. Già dal colore possiamo anticipare che sta raggiungendo la perfezione, quella che solo il tempo riesce portare.
Profumi ampi ed intensi , con sentori di sottobosco, di vegetale quasi selvaggio. Si susseguono sentori di frutti rossi, peperone verde e pepe, una vaniglia molto sfumata ed una liquirizia morbida, quasi impercettibile. Il legno viene utilizzato, una sosta di ben 24 mesi in barriques; ma il vino non sa di legno! E questo è uno dei privilegi di questo vino. Un vino che viene definito dal produttore stesso come vino di contadino, vino di terroire: fatto sempre con uve provenienti dalla stessa zona, con gli stessi assemblaggi e con il lavoro maniacale e appassionato come di un artigiano.
Ricco in glicerina, per cui, ricco in morbidezza: le lacrime che scendono, accarezzano il bicchiere
Grazie al lungo affinamento in bottiglia, i profumi si sono evoluti; i tannini del legno si sono ormai armonizzati con quelli dell’uva.
La rotondità del vino torna in bocca, modulata da un’ottima acidità. Continuano, in bocca, i profumi percepiti al naso: frutti rossi in modo particolare, con la sensazione di una morbida pera.
Vino che si richiama, sorso, dopo sorso.
Piacevole in bocca la percezione del tannino.
Vino versatile, che può accompagnare diversi piatti; può seguire e accompagnare le pietanze di un pasto, quasi come se potesse riuscire ad amalgamarsi ad ognuna di esse.

Isabella Ceccarelli

Autore: Isabella Ceccarelli


Isabella Ceccarelli, classe ’75, giorno e mese fatale: 11 Novembre, data dedicata a San Martino, quando ogni mosto è vino. La contraddistingue una spiccata passione per il vino. Ma anche per l’arte e la poesia. Partecipa a mostre ed è instancabile nello scrivere poesie e pensieri (che vorrebbe mettere in un blog). Tutto legato dall’ormai sconosciuto filo conduttore dei sentimenti e dalla vena di una sottile cultura.
Cell. +39 346 0632204

Leave a Reply

Your email address will not be published.