Tutte le bollicine dello Champagne

Una giornata dedicata solo ed esclusivamente allo Champagne! Alla cultura, alla conoscenza, alla degustazione di questo prodotto della storia e dell’uomo.
La Giornata dello Champagne è stata organizzata dal Bureau du Champagne, in italia; rappresenta il Comitè Champagne che ha sede ad Eperney. Il Comité è l’organismo semi-pubblico istituito nel 1941 che riunisce tutte le maison e tutti i viticoltori della Champagne.
Quest’anno, il 2 ottobre, la scelta è ricaduta su Roma e sul Complesso di Santo Spirito in Sassia per mettere in mostra un numero alquanto rappresentativo di Champagne, in una delle manifestazioni più significative e d importanti in Italia, dedicate unicamente a questo prodotto. Una degustazione esclusiva sotto tutti i punti di vista, riservata solo agli addetti ai lavori nel campo del vino e della ristorazione.
Lo Champagne è uno dei prodotti vinicoli francesi più conosciuti al mondo: le bollicine, il metodo classico per eccellenza. Tanto che Champagne è il nome della regione e del prodotto vinicolo della regione stessa.
Un terroire unico. La viticultura si estende al limite della zona di produzione, al limite della zona di maturazione delle uve: Raims si trova a 49,5° di latitudine nord, all’estremo. Terrenno e clima hanno portato nei secoli a classificare le uve più adatte, fino ad arrivare alla trilogia per eccellenza del metodo classico: Pinot Noire, Pinot Menieu, Chardonnay. Il clima, il terreno e la caparbietà dell’uomo, hanno fatto di un vino, un mito che si è perpetuato nei secoli. Infatti la sua storia attraversa veramente i secoli: bevanda di imperatori e di re! Ambito dagli Zar, tanto che il famosissimo Cristal è stato prodotto per Alessandro II. Vino di incoronazioni, di matrimoni e battesimi. Vino da stappare in occasioni importanti o vino da bersi in meditazione.
L’occasione è unica per conoscere in modo più approfondito i prodotti, per capire le peculiarità dei produttori, delle differenti zone e, di ogni bicchiere.
Una giornata per degustare, conoscere piccole maison e grandi produttori di Champagne: 67 maison, 200 cuvèe in una sala storica del complesso monumentale alle porte di San Pietro.
Molti i millesimati e alcune chicche, senza voler escludere nessuno: La Grand Annèe di Bollinger, o il 2.2 di Moet e Chandon, solo per fare due grandi nomi, tra i più conosciuti. Ma non erano gli unici a spiccare in qualità e particolarità. Infatti la scoperta è stata interessante. Nessun confronto, ma solo tante degustazioni di Champagne: tante tante bollicine!!!

Isabella Ceccarelli

Autore: Isabella Ceccarelli


Isabella Ceccarelli, classe ’75, giorno e mese fatale: 11 Novembre, data dedicata a San Martino, quando ogni mosto è vino. La contraddistingue una spiccata passione per il vino. Ma anche per l’arte e la poesia. Partecipa a mostre ed è instancabile nello scrivere poesie e pensieri (che vorrebbe mettere in un blog). Tutto legato dall’ormai sconosciuto filo conduttore dei sentimenti e dalla vena di una sottile cultura.
Cell. +39 346 0632204

One Response to "Tutte le bollicine dello Champagne"

  1. Pingback: blog.tartufointavola.it – Tartufo: sogno di una notte di mezza estate

Leave a Reply

Your email address will not be published.