Apertura Passione MAREMMA 2014

RID-passione-MAREMMA-Foto-di-Federico-Martini-cavalli-lagunaROMA-GROSSETO – Domani bellissima situazione a Roma, Villa Celimontana-Colosseo con la partenza a cavallo, a piedi, in bicicletta per la MAREMMA, terra dell’antica civiltà del cavallo. È infatti, l’apertura ufficiale di  passione MAREMMA WINE & FOOD SHIRE, organizzata dalla Camera di Commercio di Grosseto, che avrà il suo culmine il 16-17-18 a Grosseto.
Con Passione MAREMMA torna alla luce l’Antica Via Clodia. Si tratta della via consolare romana che due millenni fa collegava Roma a Roselle, sito archeologico alle porte della città maremmana, mettendo in comunicazione le fiorenti città etrusche del Tirreno, che i Romani conquistarono una ad una, con l’Urbe.
Fu il console Claudio che portò a termine la strada secondo gli standard romani: i 4 metri di carreggiata, le banchine, i ponti, le opere idrauliche a difesa, il basolato di larghe pietre lisce e le mansiones, le soste ogni 15 miglia. Delle tre strade che i Romani percorrevano verso nord, la Clodia correva intermedia tra l’Aurelia lungo la costa e la Cassia nell’interno; a differenza delle altre due però dal medioevo la Clodia si è persa ed è stata dimenticata. Oggi questa antica e importante via di comunicazione lunga 250 chilometri si riapre alla fruizione di tutti. Un percorso dedicato a chi va a piedi, in bicicletta o a cavallo. Insomma, senza motore. Un'”autostrada” verde e slow tra Roma e Grosseto, l’antica via consolare romana per arrivare nella terra dell’antica civiltà del cavallo.

PERCORSO A TAPPE LUNGO L’ANTICA VIA CLODIA A CAVALLO, IN BICI, A PIEDI

Domani sabato 10 maggio 2014 una lunga carovana di 100 persone a cavallo, in mountain bike e da piedi-
partirà da ROMA, Villa Celimontana al Colosseo e arriverà a Grosseto domenica 18 maggio con una scenografica sfilata notturna, in occasione di passione MAREMMA WINE & FOOD SHIRE.
Partenza dal centro di ROMA, Villa Celimontana – COLOSSEO, sabato 10 maggio alle ore 14.00, si prosegue per il Colosseo, Fori Imperiali, via del Corso e piazza del Popolo. Da qui si raggiunge il lungotevere fino al Ponte della Musica per attraversare il fiume e poi proseguire fino a Ponte Milvio e con la ciclabile fino a Saxa Rubra. Ancora avanti per altri 6 km fino ad uscire dal GRA in loc. Valchetta dove si passerà la notte dopo la cena maremmana dei partecipanti.

LAZIO
11 maggio domenica
Partenza alle ore 9 e percorso prima su strada poi nel verde fino al Comune di Formello che ospita i partecipanti per il pranzo di prodotti a km 0 ( secondo lo slogan  “Andare Piano,  Mangiare Vicino” caratteristica di tutto il viaggio) nella struttura comunale recentemente restaurata ed adibita anche a ostello per i viandanti.  Nel pomeriggio attraverso la valle del Sorbo, dove si incontra la nota Pieve, si raggiunge Il Lago di Martignano e il Casale dove si passa la notte e dove sarà allestita  una cena sempre a km 0.

12 maggio lunedi
Dal Casale di Martignano attraverso il Parco Naturale di Bracciano e Martignano  accompagnati dai guarda parco si raggiunge Forum Clodi nei pressi di San Liberato dove insisteva una mansione o sosta della via Clodia.

13 maggio martedì
Da Forum Clodi a Oriolo Romano Vejano Barbarano Blera attraverso bellissimi paesaggi e piccoli paesi dimenticati con tratti della Clodia ancora col basolato romano, necropoli etrusche ed una ferrovia dismessa. Cena alla Fattoria delle Due Rose.

14 maggio mercoledì
Nella mattina si attraversa la bella necropoli di Norchia non raggiungibile con mezzi motorizzati. Pranzo al Castello di Roccarespampani cena a Tuscania proprio dove sono stati scoperti, sotto la porta di ingresso alla città, 100 metri della via Clodia. I cavalli fanno sosta al centro dei Boy Scout.

15 maggio giovedì
Da Tuscania a Pietrafitta passando per Canino Cellere (pranzo nel parco del Timone, vicino ad una grotta dove si nascondeva, a fine 800, il brigante Tiburzi). Grande cena alla buttera con carne delle maremmane locali.

TOSCANA
16 maggio venerdì
Da Pietrafitta ultimi chilometri nel Lazio attraverso la Tagliata di Castro e nella foresta del Lamone – pranzo- poi spostamento alle sorgenti della Nova. Qui si entra in Toscana si passa davanti allo splendido borgo di Pitigliano (verso le 15, 30)  e attraverso altre due vie cave, di grande suggestione, arrivo a Sovana, patria di Gregorio VII: poche case e una  cattedrale splendidamente restaurate. Cena e pernottamento.

17 maggio sabato
Da Sovana, lungo una dogana riaperta appositamente per il gruppo carovaniero ed un guado sul Fiora, si raggiunge per il pranzo Saturnia dove si entra in paese per l’ antica porta che sovrasta un lungo basolato della Clodia. Pranzo in paese con prodotti locali e Morellino di Scansano. Nel primo pomeriggio guado dell’Albegna e salita verso Scansano. Alle 18.00 sosta a Poggioferro per un aperitivo alla Sagra Del Tortello. Caratteristico e ultimo chilometro per la tenuta del Prato per cena e notte.

18 maggio domenica
Ultima tappa: Castello di Montepò, a seguire Montorgiali con sosta nel paese per ricevere il biscotto caratteristico di San Giorgio; passaggio accanto a un piccolo ponte romano dimenticato sotto il paese e sosta pranzo con i prodotti della Proloco. Nel pomeriggio si scende a Istia di Ombrone, poi lungo l’argine si arriva a Grosseto con giro della città in chiusura del Passione Maremma wine & food shire con piccola cerimonia di commiato mentre sugli schermi girano immagini del tragitto.  Cena all’ippodromo di tutti i partecipanti.

Leave a Reply

Your email address will not be published.