Quando anche l’industria italiana nuota contro corrente