Armani nella bufera negli USA

ArmaniUna dipendente della sede di Manhattan della griffe di Giorgio Armani, che ha lavorato nella sede aziendale sulla W. 15 St nell’estate del 2009, avrebbe citato la società in tribunale attestando che lei e più di 100 altri erano classificati erroneamente da Armani come stagisti non pagati quando avrebbero dovuti essere retribuiti con il salario minimo. L’ex dipendente di Armani sosterrebbe in una vera e propria class-action che lei e più di 100 altri sarebbero stati letteralmente “fregati” sui salari ed ha chiesto il pagamento di quanto che le spetterebbe oltrechè dei danni punitivi. La battaglia avviata dalla dipendente, non sarebbe rivolta solo per sé, ma anche per gli altri 100 dipendenti e più che lavoravano nelle sue stesse condizioni.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.