Columbus Day Parade a Dallas

columbusIl Governatore dello Stato del Texas, riconoscendo il contributo degli Italiani nel far crescere questo Paese, dedica il mese di ottobre al Patrimonio Culturale Italo-americano. Vincenzo Arcobelli, chairman della Columbus Day Parade di Dallas eco ordinatore Comites Houston, esprime soddisfazione per l’evento prossimo a realizzarsi. “La comunità Italo Texana – scrive Arcobelli – è vicina alla visione multietnica e culturale dello Stato promuovendo molteplici iniziative ed attività culturali, che ci vedono in prima linea per la settimana della lingua e cultura italiana nel mondo e per tante altre manifestazioni come ad esempio quella del Columbus Day Parade del prossimo 12 ottobre a Dallas”. “Se da un lato vi sono state controversie negative come quella di Seattle dove la festività del Columbus Day è stata cancellata all’unanimità dal consiglio comunale della città (che ha l’ha definita la celebrazione degli indigeni), a Dallas il Comites con il CTIM, l’Associazione dei Siciliani in Texas e la SAAT con la CSNA, si sono impegnati nel favorire, promuovere ed organizzare il primo evento storico del Columbus Day Parade a Dallas in Texas, ed altre attività culturali e tradizionali che arricchiranno di italianità lo Stato della Stella Solitaria, il tutto e nel rispetto di altre culture ed etnie e nella convivenza pacifica tra popoli”. “Alla celebrazione parteciperanno autorità civili e militari: i nostri cari amici cowboy texani marceranno con i cavalli assieme a noi sul ponte storico della città di Dallas sventolando con fierezza ed orgoglio la bandiera italiana e quella americana”. Il primo Grand Marshal selezionato “è il Segretario Generale del Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo, Robeto Menia, avvocato e pubblicista ex Sottosegretario di Stato Ministero Ambiente, sempre vicino agli italiani nel mondo”, un “meritato riconoscimento per il sostegno, la partecipazione e la collaborazione data alla riapertura della cappella votiva di Hereford, dedicata ai prigionieri italiani della seconda guerra mondiale, nonché a tutte le iniziative che riguardano la promozione dell’Italianità”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.