“Via Le Mani”

DSCN1372La associazione Hands of Women_How la cui presidente  Isabella Rauti, sempre molto attenta e presente con notevoli iniziative  a sostenere , ma sopratutto ad evidenziare in modo forte e costante il gravissimo problema che colpisce non solo le donne ma tutta la società e sopratutto gli uomini che sono i ” veri e feroci protagonisti”. Grande , anzi essenziale il ruolo della famiglia e della educazionee il  rispetto che si respira in ” quelle ” famiglie. Questo evento “VIA LE MANI” si è tenuto  in occasione delle Giornata internazionale contro la violenza di genere, organizzando la seconda edizione della Regata di Beneficenza  assieme alla Federcanottaggio a favore dell’associazione del Telefono Rosa.
Massimo Iaccarini, Consigliere al settore Canottaggio del Circolo Canottieri Roma ha dichiarato: “Abbiamo organizzato questa manifestazione con entusiasmo, nella speranza che il femminicidio e la violenza di genere diventino al più presto un ricordo e che non vi sia più bisogno di organizzare eventi per sensibilizzare sul tema. Un tema che il canottaggio, e il Circolo Canottieri Roma in particolare, hanno preso a cuore”.
“Via le mani”. Il canottiere sente questa istruzione, gridata dal suo allenatore o dal timoniere, e cambia tutto: la barca scivola e si prepara al nuovo colpo. “Via le mani” è un’istruzione secca, perentoria. Nel canottaggio, come nella vita. “Via le mani” è anche il nome della manifestazione che ha animato la splendida domenica del Circolo Canottieri Roma. Una festa per il canottaggio, ma soprattutto un’occasione speciale per sensibilizzare circa la violenza di genere. Via le mani dalle donne, stop al femminicidio. Al Canottieri Roma, le mani hanno stretto forte i remi.-Moltissime le persone che hanno testimoniato il loro appoggio come  il presidente della Federazione Italiana Canottaggio, Giuseppe Abbagnale, leggendario campione olimpico nel 1984 e 1988, la cui ultima gara risaliva al 1996, e Sebastiano Somma, testimonial assieme alla collega Laura Lattuada dell’iniziativa. Abbagnale e Somma erano inseriti nello stesso equipaggio con il d.t. del Canottieri Roma Bruno Mascarenhas e gli altri amici dell’associazione ItalianAttori: Claudio Castana, Jonis Bascir, Gaetano Amato, Loredana Cannata e Omar Sandrini. Armo sconfitto dalla squadra della federazione composta dal vicepresidente Marcello Scifoni; dal presidente del comitato laziale Michelangelo Crispi; dal Consigliere giallorosso responsabile del settoreMassimo Iaccarini; dalla Presidentessa di Hands off Women Italia, Isabella Rauti; Mario Italiano, Luca Agoletto, Massimo Gradella e Dario Dentale. Per l’otto istituzionale la soddisfazione di aver battuto quel Giuseppe Abbagnale protagonista negli anni ’80 nel mitico due “con” con il fratello Carmine e il timoniere Peppiniello Di Capua .Lo stand di Telefono Rosa, organizzazione a cui è stato devoluto l’incasso della giornata ha visto il sotegno di tutti gli invitati. Oltre a quella dei vip, tre erano le categorie in gara. Tra le donne, si è imposto il “solito” otto delCircolo Canottieri Roma protagonista assoluto, negli ultimi anni, nel canottaggio master nazionale. Alle spalle delle atlete di casa, si è piazzato l’equipaggio del Circolo Canottieri 3 Ponti, capace comunque di vincere una delle due manche di finale. Alla fine le giallorosse hanno vinto con un secondo di vantaggio sulle avversario nella somma dei due tempi. Quarto gradino, invece, per l’altro equipaggio di casa, battuto nella finale 3°-4° posto dal Circolo Canottieri Tirrenia Todaro. Appena 2 decimi di secondo di margine hanno sancito il successo del C.C. 3 Ponti sul Reale Circolo Canottieri Tevere Remo. Gradino più basso del podio per C.C. Tirrenia Todaro, seguito dall’altro armo del 3 Ponti. Vittoria del 3 Ponti anche nella competizione rivolta agli equipaggi misti uomini+donne. A seguire, Circolo Canottieri Navalia, C.C. Tirrenia Todaro e Circolo Canottieri Esperia di Torino. Presente  Maurizio Insidioso Monda, padre della 19enne Chiara, entrata in coma lo scorso 3 febbraio a causa delle violente percosse del fidanzato. A Chiara, a tutte le Chiara, si rivolge “Via le mani”. Nella speranza che la violenza di genere diventi soltanto un vago ricordo.
“Via le mani” 2014. Le classifiche finali delle quattro sezioni.
Vip
1 – Squadra F.I.C. (Marcello Scifoni, Michelangelo Crispi, Massimo Iaccarini, Isabella Rauti, Mario Italiano, Luca Agoletto, Massimo Gradella, Dario Dentale).
2 – Squadra Abbagnale+ItalianAttori (Giuseppe Abbagnale, Sebastiano Somma, Bruno Mascarenhas, Claudio Castana, Jonis Bascir, Gaetano Amato, Loredana Cannata, Omar Sandrini)

Femminile
1 – C.C. Roma “Maria” (1’20”8 + 1’20”9 = 2’41”7)
2 – C.C. 3 Ponti (1’21”5 + 1’21”0 = 2’42”5)
3 – C.C. Tirrenia Todaro (1’20”3 + 1’22”7 = 2’43”0)
4 – C.C. Roma “Roberta” (1’22”2 + 1’22”3 = 2’45”5)

Maschile
1 – C.C. 3 Ponti “Gianni” (1’16”4 + 1’12”6 = 2’29”0)
2 – R.C.C. Tevere Remo (1’16”0 + 1’13”2 = 2’29”2)
3 – C.C. Tirrenia Todaro (1’14”8 + 1’14”9 = 2’29”7)
4 – C.C. 3 Ponti “Paolo” (1’22”7 + 1’20”1 = 2’42”8)

Misto
1 – C.C. 3 Ponti (1’13”4 + 1’13”2 = 2’26”6)
2 – C.C. Navalia (1’19”3 + 1’19”2 = 2’38”5)
3 – C.C. Tirrenia Todaro (1’19”1 + 1’20”8 = 2’39”9)
4 – C.C. Esperia Torino (1’22”9 + 1’23”9 = 2’46”8)

Leave a Reply

Your email address will not be published.