In Sala il Trailer ufficiale italiano “The End of the Tour”

The End of the TourUn viaggio con David Foster Wallace di James Ponsoldt con Jason Segel e Jesse Eisenberg. In sala dall’11 febbraio distribuito da ADLER. Nell’inverno del 1996 due uomini giovani e ambiziosi si imbarcano senza conoscersi in un viaggio di cinque giorni, nei quali emerge che ognuno di loro sta cercando intensamente e nervosamente di capire che posto occupare nella propria vita. Il primo era il giovane scrittore e giornalista di Rolling Stone, David Lipsky. Il secondo era David Foster Wallace, la “rockstar della letteratura americana”, 34 anni, da poco lanciato come il più brillante degli scrittori, osservatore e voce della sua generazione. “The End of the Tour” racconta i cinque giorni di intervista tra David Lipsky (Jesse Eisenberg) e lo scrittore David Foster Wallace (Jason Segel), dopo la pubblicazione nel 1996 del rivoluzionario romanzo di Wallace “Infinite Jest”. In questi cinque giorni nasce e si sviluppa tra i due una profonda amicizia. I due scrittori si scoprono, condividono momenti divertenti e reciproche fragilità, ma non si saprà mai quanto realmente sinceri siano stati l’uno con l’altro. Incredibilmente, l’intervista non fu mai pubblicata, e le cassette audio su cui vennero registrati quei cinque giorni, finirono nello scantinato di Lipsky. I due non si incontrarono più. Il film si basa sul libro di Lipsky “Come diventare se stessi”, pubblicato dopo il suicidio di Wallace nel 2008, edito in Italia da Minimum Fax. Accolto con entusiasmo al Sundance Festival, il film è diretto da James Ponsoldt su sceneggiatura di Donald Margulies, vincitore del Premio Pulitzer.  È interpretato dal candidato all’Oscar® Jesse Eisenberg (“The Social Network”) e Jason Segel (noto in Italia soprattutto per la serie “How I Met Your Mother”). È prodotto da James Dahl, Matt DeRoss, David Kanter (“The Revenant” di Iñárritu), Mark C. Manuel e Ted O’Neal; produttori esecutivi Paul Green e Donald Margulies.

Leave a Reply

Your email address will not be published.