Vernaccia di San Gimignano, 50 anni della denominazione

Vernaccia di San GimignanoSAN GIMIGNANO (SI) – L’undicesima edizione dell’Aanteprima della Vernaccia di San Gimignano, organizzata dal Consorzio della Denominazione San Gimignano, cade in un anno importantissimo per il territorio e tutti i produttori. Si festeggiano i cinquant’anni dall’ottenimento della denominazione di origine controllata, che la Vernaccia di San Gimignano ha ottenuto, come primo vino italiano, nel 1966. Domenica 14 e mercoledì 17 Febbraio nelle sale del Museo di Arte Moderna e Contemporanea De Grada, i produttori di San Gimignano presenteranno a operatori, giornalisti e appassionati le nuove annate di Vernaccia di San Gimignano, la 2015 e la 2014 per la tipologia Riserva. E per celebrare l’importante anniversario, l’undicesima edizione del ciclo di degustazioni “Il vino bianco e i suoi territori” riservate alla stampa di settore, quest’anno avrà una forma diversa rispetto alle dieci edizioni che l’hanno preceduta: sarà interamente dedicata alla denominazione del territorio. “Vernaccia di San Gimignano: 50 anni di D.O. verso il futuro” il titolo della degustazione che vedrà dieci etichette di Vernaccia di San Gimignano a rappresentare la denominazione, raccontate da cinque relatori d’eccezione, Ernesto Gentili, Gianni Fabrizio, Guido Ricciarelli, Fabio Pracchia e Daniel Thomases, giornalisti che vantano una lunghissima frequentazione con il territorio di San Gimignano, come anche l’enologo Vittorio Fiore e il giornalista Carlo Macchi, insieme ai quali parleranno di viticultura, dei vini, della loro evoluzione negli ultimi 50 anni e delle prospettive future. Martedì 16 il Consorzio ospiterà la presentazione del libro “Giulio Gambelli: l’uomo che sapeva ascoltare il vino”, scritto da Carlo Macchi e edito da Slow Food, e la premiazione dell’enologo vincitore del “Premio Giulio Gambelli”, riconoscimento destinato ai giovani enologi under 35 che meglio incarnano nel loro lavoro la “gambellianità” istituito da Aset (Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana) e IGP (I Giovani Promettenti, blog network di settore).

Isabella Ceccarelli

Autore: Isabella Ceccarelli


Isabella Ceccarelli, classe ’75, giorno e mese fatale: 11 Novembre, data dedicata a San Martino, quando ogni mosto è vino. La contraddistingue una spiccata passione per il vino. Ma anche per l’arte e la poesia. Partecipa a mostre ed è instancabile nello scrivere poesie e pensieri (che vorrebbe mettere in un blog). Tutto legato dall’ormai sconosciuto filo conduttore dei sentimenti e dalla vena di una sottile cultura.
Cell. +39 346 0632204

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.