Presentazione XI Edizione Festa del Cinema di Roma

foto64641Ieri 30 settembre, presso l’Auditorium di Roma, è stata presentata l’XI Edizione della Festa del Cinema di Roma, che si terrà dal 13 al 23 ottobre. Come vedrete nella foto scattata durante la presentazione, i padroni di casa sono stati il Direttore della rassegna, Antonio Monda (per il secondo anno consecutivo impegnato alla guida della Festa del Cinema della capitale) e la Presidente, Piera Detassis. Ci piace sintetizzare con delle parole chiave, quasi dei topic, i discorsi dei due protagonisti della presentazione. Antonio Monda ha puntato tutto su: discontinuità, varietà, qualità ed internazionalità. Piera Detassis su: musica (perché no? E’ anch’essa parte rilevante dei film), politica, diversità. Presentati non soltanto gli impegni e le dichiarazioni di volontà degli organizzatori, ma anche il programma della rassegna, che vede la proposizione di film di Oliver Stone, Ron Howard, Michele Placido, Stephen Frears, Daniele Vicari, tra gli altri. Ci saranno anche incontri e convegni, che vedranno protagonisti Roberto Benigni, Meryl Streep, Viggo Mortensen, Renzo Arbore, Paolo Conte, Bernardo Bertolucci, Don Delillo, David Mamet, Andrzei Wajda ed altri ancora. Quaranta film arriveranno da ventisei Paesi. Nato, per volontà dell’allora sindaco di Roma, Valter Veltroni, come “Festa”, era poi diventato un “Festival” a tutti gli effetti, con tanto di concorso e vincitori (il premio più importante era il “Marc’Aurelio d’Oro”). Poi, per volontà politica, dallo scorso anno è tornato ad essere una “Festa” non competitiva, per non infastidire il tradizionale Festival di Venezia, ma anche altri festival come quello di Torino. Non è un mistero che partiti radicati nel nord abbiano dichiarato la loro ‘guerra politica’ verso il nuovo arrivato festival della capitale, così da ottenerne la riduzione a ‘festa’. Ma ci sarà il tappeto rosso, come in ogni importante rassegna cinematografica, ci saranno film importanti, anche se non in concorso e non tutti in anteprima mondiale. E c’è anche impegno civile e sociale, considerato che la Festa devolverà gli incassi della proiezione di un film sul terremoto in Emilia (insieme ad un contributo dell’organizzazione) per la costruzione di un cineteatro ad Amatrice, cosa estremamente apprezzabile, che conferma la sensibilità di Antonio Monda. Per concludere, un’occhiata ai principali film da vedere a Roma. Tra gli italiani spiccano: “7 minuti”, di Michele Placido; “Sole, Cuore, Amore”, di Daniele Vicari; “Naples ’44”, di Francesco Patierno; la commedia “Maria per Roma”, di Karen Di Porto. Tra gli stranieri, vogliamo citare: “Snowden”, di Oliver Stone; “Powidoki”, di Andrzej Waida; “Florence Foster Jenkins”, di Stephen Frears; “Into the Inferno”, di Werner Herzog.

Autore: Franco Baccarini

Scrittore, saggista, autore di articoli per giornali cartacei e telematici, di testi per il teatro e di cortometraggi.
Teatrografia
2007 – Autore del dramma in atto unico “Insostituibili assenze”.
Filmografia
1996 – Soggettista, sceneggiatore e regista del video-clip “Anatomia dell’altro volto di una metropoli”.
2012 – Soggettista e sceneggiatore del cortometraggio “La ragazza e il mare” (regia di E. Colombo).
2013 – Soggettista e sceneggiatore del cortometraggio “Un amore da proteggere” (regia di L. Greco).
Bibliografia
2008 – “Bioetica animalista. Dagli aspetti socio-filosofici alle applicazioni pratiche nella sperimentazione clinica dei farmaci” (Edizioni Universitarie Romane).
2009 – “La Tecnoetica nel Cinema. Bioetica del Futuro” (Edizioni Palombi).
2010 – Capitolo “Tecnoetica nel Cinema” all’interno del volume “Tecnicizzare l’uomo o umanizzare la tecnica?” (Edizioni LEV), di Autori Vari.
2012 – “Tecnoetica e Cinematografia” (Edizioni Universitarie Romane).
2013 – “Tecnoetica e Cinematografia (in versione e-book)” (Edizioni Universitarie Romane).

Leave a Reply

Your email address will not be published.