Cucina Italiana nel Mondo

cucina-italiana-nel-mondoPrende il via oggi, la Prima settimana mondiale della cucina italiana nel mondo. Qualità, identità, eccellenza, sono le parole chiave della prima “Settimana della cucina italiana nel mondo”, un’eredità di Expo Milano 2015, a sostegno dell’agroalimentare e delle professionalità del settore che portano in alto il nome dell’Italia all’estero. Il progetto si inserisce nel piano di azioni che vede in campo il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, il Ministero dell’Istruzione, in sinergia con il Ministero dello Sviluppo economico. Un percorso di lavoro iniziato il 2 marzo 2015 all’Esposizione universale con il primo forum della cucina italiana, a cui sono seguite la firma del Food Act – il primo patto tra Istituzioni e mondo della cucina – il 28 luglio 2015 e il protocollo d’intesa per la valorizzazione all’estero della cucina italiana di qualità siglato alla Farnesina il 15 marzo 2016. Ma la sinergia vola alto, coinvolgendo enti pubblici e privati che nel mondo rappresentano la cucina di qualità nel mondo; associazioni di categoria, scuole di formazione, reti di ristoranti italiani certificati; protagonisti saranno i cuochi e le eccellenze alimentari, ma anche i giovani allievi, che animeranno un programma vasto e ricco. La prima “Settimana della cucina italiana nel mondo”, si inserisce nel piano per la promozione e la difesa del vero Made in Italy agroalimentare all’estero. Nasce con gli obiettivi di far conoscere le produzioni agroalimentari e vitivinicole italiane, con particolare riferimento ai prodotti di qualità certificata; vuole valorizzare il saper fare italiano: tradizione, artigianalità e innovazione; diffondere i valori unici della Dieta Mediterranea. Ma in modo particolare si vuole rafforzare la presenza della cucina italiana all’estero attraverso le attività di specializzazione dei giovani cuochi del nostro Paese e la presentazione dell’offerta della ristorazione italiana di qualità e promuovere i “percorsi del gusto” in Italia per i turisti. Insomma, far conoscere il nostro bel paese attraverso la lente d’ingrandimento privilegiata che è quella dell’enogastronomia. Il calendario è ricco e vario, con ben 1.300 eventi in 105 Paesi nel mondo coordinati dalla rete all’estero della Farnesina: 295 le sedi diplomatiche, consolari e degli istituti italiani di cultura coinvolti. Conferenze, seminari tecnico-scientifici e accademici, incontri con gli chef e dibattiti sulla tradizione culinaria italiana; eventi promozionali realizzati in collaborazione con i ristoranti italiani locali e le più importanti fiere. Immancabili gli attesissimi e ormai famosi show cooking e master class, con appuntamenti a tema dedicati alla scoperta dei sapori italiani. Ma anche concorsi e premiazioni per la cucina italiana di qualità. Non mancheranno film, rappresentazioni teatrali legati al tema del cibo, mostre di design, arte e fotografia dedicate alla cucina. Insomma, la cucina italiana nel mondo vista proprio a 360 gradi, per sfatare miti e far conoscere l’eccellenza della qualità.

Isabella Ceccarelli

Autore: Isabella Ceccarelli


Isabella Ceccarelli, classe ’75, giorno e mese fatale: 11 Novembre, data dedicata a San Martino, quando ogni mosto è vino. La contraddistingue una spiccata passione per il vino. Ma anche per l’arte e la poesia. Partecipa a mostre ed è instancabile nello scrivere poesie e pensieri (che vorrebbe mettere in un blog). Tutto legato dall’ormai sconosciuto filo conduttore dei sentimenti e dalla vena di una sottile cultura.
Cell. +39 346 0632204

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.