Biennale enogastronomica

Una manifestazione del mondo del food, che lega l'arte del vino e del cibo

biennale-enogatsronomicaFIRENZE – si è conclusa a Firenze la Biennale Enogastronomica (dal 10 al 28 novembre). Manifestazione che racchiude in se tutto il mondo del food, in un calendario ricchissimo che riesce a legare arte vino e cibo; ricerca e sperimentazione a 360° di tutto il mondo del food, hanno animato la città, per un pubblico vario ed eterogeneo, in un viaggio fatto di sapori ed eventi realizzati in molti luoghi della città, anche inediti e pieni di un fascino da scoprire.. Un viaggio tra i saperi e i sapori più diversi, che ha portato il pubblico alla scoperta di quanto più attuale il mondo dell’enogastronomia propone. Dal Giappone del sake, al produttore a km zero, la Biennale si offre come vetrina privilegiata per raccontare come cambia il rapporto tra cibo e società, supportando e sostenendo costantemente tutte quelle iniziative che promuovono l’identità e la qualità dell’enogastronomia intesa come esperienza culturale di conoscenza. Quasi 20 giorni che hanno proposto oltre 25 eventi tematici e altrettanti appuntamenti nel ricco programma “Fuori Biennale” e che animano luoghi cittadini non sempre conosciuti, ma assolutamente pieni di fascino, a partire dalla location che ospiterà la “Casa della Biennale”: nello spirito di offrire al pubblico la possibilità di riappropriarsi spazi inediti e ancora chiusi, la manifestazione avrà il suo cuore nell’ex centro per l’arte contemporanea di Firenze EX3, un suggestivo spazio urbano recuperato e destinato a centro espositivo dove il Comune di Firenze nel prossimo 2017 allestirà il “Museo della Memoria”. Una vera e propria invasione di gusto quella che la Biennale ha portato in piazze, locali e spazi storici di Firenze: da piazza della Repubblica al Mercato Centrale, dal foyer dell’Opera di Firenze alla stazione di Santa Maria Novella. E ancora, dal te al gin, dalla cioccolata alle bollicine, dai grandi vini al panettone e ancora pasta, riso, caffè, formaggi, carni, salumi, pane, pizza, olio, birra, e chi più ne ha più ne metta, alla Biennale Enogastronomica per una Firenze che è stata tutta da annusare, assaggiare, degustare, provare. Eventi “pop” si alterneranno ad appuntamenti “gourmet” e arriveranno a Firenze chef stellati da tutta Italia che saranno protagonisti di cooking show e degustazioni. Arte, letteratura, convegni, appuntamenti tematici sono stati una cornice per l’evento che si è preannunciato come una sorta di stati generali dell’enogastronomia e di quanto si muove intorno a questo settore. La Biennale si conferma così presidio per arti e sapori da tutelare ma anche osservatorio attento e curioso verso tutto ciò che nell’enogastronomia è futuro, offrendo al pubblico eventi culturali e ricchi di contenuti che al tempo stesso alla portata di tutti. Il modo migliore per trasferire messaggi che abbiano valore e significato nella la vita quotidiana, soprattutto in campo enogastronomico. Il progetto Biennale Enogastronomica è sostenuto dalla Camera di Commercio di Firenze con il patrocinio dalla Regione Toscana, dalla Città Metropolitana di Firenze e dal Comune di Firenze.

Isabella Ceccarelli

Autore: Isabella Ceccarelli


Isabella Ceccarelli, classe ’75, giorno e mese fatale: 11 Novembre, data dedicata a San Martino, quando ogni mosto è vino. La contraddistingue una spiccata passione per il vino. Ma anche per l’arte e la poesia. Partecipa a mostre ed è instancabile nello scrivere poesie e pensieri (che vorrebbe mettere in un blog). Tutto legato dall’ormai sconosciuto filo conduttore dei sentimenti e dalla vena di una sottile cultura.
Cell. +39 346 0632204

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.