Il giro del mondo per il Chianti

Messico, Cina, Singapore, Corea del Sud. Il Consorzio del Chianti sceglie gli obiettivi del 2017 Il Presidente Busi: Vogliamo crescere dove il vino toscano è sempre più apprezzato

Consorzio ChiantiFIRENZE – Sono Città del Messico, Hong Kong, Singapore e Seoul le tappe extra UE scelte dal Consorzio Vino Chianti per il nuovo programma di promozione 2017 finanziato con i contributi OCM Vino dell’Unione Europea. La scelta è stata deliberata in occasione dell’ultimo Comitato Marketing del Consorzio che ha deciso di confermare così i Paesi dove si era già registrata un’attività promozionale nel corso degli ultimi anni. La prima tappa in programma è a Città del Messico, il 6 marzo 2017, in cui si terrà un workshop con incontri B2B tra aziende e importatori oltre ad un seminario rivolto a giornalisti e operatori del settore. L’8 maggio invece il Consorzio volerà in Cina, a Hong Kong, in occasione di “Prowine Asia 2017” dove avrà a disposizione uno stand consortile con un bancone istituzionale. Il 15 maggio il Consorzio tornerà a Singapore per organizzare un nuovo workshop con giornalisti e operatori del settore mentre il 17 maggio ultimo appuntamento a Seoul, in Corea del Sud. Come spiega Giovanni Busi, presidente del Consorzio Vino Chianti, la scelta è caduta su quai paesi che per il Consorzio rappresentano un nodo strategico per lo sviluppo dell’export. L’interesse nei confronti del vino toscano da parte di questi territori sta evidentemente crescendo e per questo motivo la Denominazione Chianti, non può farsi trovare impreparata. Il 2017 è un anno importante per confermare la presenza su quei mercati che soltanto fino a qualche anno fa avevano una conoscenza molto limitata di alcuni prodotti, tra i quali anche il vino Chianti, che invece oggi ricercano con puntualità. E’ evidente che il consorzio, come gli stessi produttori, si trovano a dover rispondere ad una nuova fase dei mercati, ma sicuramente lavorando con tempestività, la riuscita è assicurata, riuscendo a rispondere alla nuova domanda presentando un vino sempre più di qualità, e in grado di raccontare un territorio così ricco di storia e cultura nel mondo, i cui il vino riesce a farsi testimone vivente e sempre ricercato, in grado di evocare lo Stile Italiano, di cui si fa portavoce, capace di far evocare borghi e campagna, una vita slow, e una ricchezza di paesaggi, mete; di cibo, non solo di-vino.

Isabella Ceccarelli

Autore: Isabella Ceccarelli


Isabella Ceccarelli, classe ’75, giorno e mese fatale: 11 Novembre, data dedicata a San Martino, quando ogni mosto è vino. La contraddistingue una spiccata passione per il vino. Ma anche per l’arte e la poesia. Partecipa a mostre ed è instancabile nello scrivere poesie e pensieri (che vorrebbe mettere in un blog). Tutto legato dall’ormai sconosciuto filo conduttore dei sentimenti e dalla vena di una sottile cultura.
Cell. +39 346 0632204

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.