Nata l’Associazione viticoltori di Gaiole

Un panorama vinicolo sempre più ricco ed intraprendente, e soprattutto capace di trasmettere i valori storici e culturali del territorio

Logo-Chianti-ClassicoGAIOLE IN CHIANTI (SI) – Il panorama vinicolo italiano è sempre ricco ed intraprendente. Il fervore si riflette non solo sui vini, ma anche sulle associazioni che vanno a tutelare ambiente, prodotti vinicoli e territori; un punto di riferimento che sa trasmettere valori e nello stesso tempo parlare di territorio sotto molteplici punti di vista, in modo particolare ad un pubblico vasto nell’ambito turistico: valorizzare il territorio e il vino come strumenti di promozione turistica.

Ecco così, nel mese di maggio l’Associazione Viticoltori Gaiole con lo scopo di promuovere le aziende vitivinicole del Comune di Gaiole in Chianti, la millenaria storia del suo territorio e le particolarità pedologiche della zona che rendono possibili vini di grande personalità e diversità. Le aziende più grandi assieme a quelle più piccole lavorano ora insieme per dare un quadro il più completo possibile della produzione di Chianti Classico della terra di Gaiole in Chianti.

I primi a dare impulso sono stati Francesco Ricasoli che con Emanuela Stucchi Prinetti hanno costituito l’associazione con Barone Ricasoli, Capannelle, Badia a Coltibuono, Rocca di Castagnoli, Il Palazzino.

Da maggio in poi hanno aderito la quasi totalità dei viticoltori, fino alla composizione attuale: Badia a Coltibuono; Barone Ricasoli; Bertinga; Borgo Casa al Vento; Cantalici; Capannelle; Casanova di Bricciano; Castello di Ama; Castello di Lucignano; Castello di Meleto; Fietri; I Sodi; Il Colombaio di Cencio; Il Palazzino; La Casa di Bricciano; Le Miccine; Matteoli agricola; Monterotondo; Podere Ciona; Poggi del Chianti; Riecine; Rietine; Rocca di Castagnoli; Rocca di Montegrossi; San Giusto a Rentennano; San Martino, Montagnani; San Vincenti.

Isabella Ceccarelli

Autore: Isabella Ceccarelli


Isabella Ceccarelli, classe ’75, giorno e mese fatale: 11 Novembre, data dedicata a San Martino, quando ogni mosto è vino. La contraddistingue una spiccata passione per il vino. Ma anche per l’arte e la poesia. Partecipa a mostre ed è instancabile nello scrivere poesie e pensieri (che vorrebbe mettere in un blog). Tutto legato dall’ormai sconosciuto filo conduttore dei sentimenti e dalla vena di una sottile cultura.
Cell. +39 346 0632204

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.