Coltiviamo l’Appennino Centrale: risorse e criticita’

L’appuntamento alle 9,30 all’Hotel Giò Wine per parlare di un nuovo modello econo-mico produttivo del bosco e di una diversa gestione faunistico venatoria degli ungu-lati

Giovedi4 aprile a Perugia il convegno che vede riunite le regioni di Umbria, Toscana, Marche, Lazio ed Emilia Romagna.
Con il ministro Gian Marco Centinaio e il Presidente di Confagricoltura Nazionale Massimiliano Giansanti.

Confagricoltura-UmbriaPERUGIA – L’Appennino Centrale, con le sue risorse -in particolare quella boschiva, importante opportunità di sviluppo locale- ma anche con le sue criticità, soprattutto quelle legate ad una non sempre adeguata gestione faunistico venatoria di ungulati e predatori, sarà il tema dell’incontro previsto per il prossimo 4 aprile a Perugia, all’Hotel Giò Wine (via Ruggero d’Andreotto, 19), al quale interverranno anche il Ministro delle Politiche Agricole alimentari forestali e del turismo Gian Marco Centinaio e il Presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti.
Il convegno coinvolgerà le cinque regioni dell’Appennino centrale –Umbria, Toscana, Marche, Lazio ed Emilia Romagna– con la presenza dei rispettivi assessori regionali all’Agricoltura, Fernanda Cecchini per l’Umbria, Marco Remaschi per la Toscana, Moreno Pieroni per le Marche, Enrica Onorati per il Lazio e Simona Caselli per l’Emilia Romagna.
Saranno gli stessi assessori ad esporre le situazioni locali, in un confronto fattivo alla ricerca di soluzioni comuni e condivise sulla gestione delle foreste, ma anche della fauna selvatica con gli esperti, Raoul Romano del Centro Ricerche politiche e bioeconomia CREA e Marco Apollonio, docente presso l’Università di Sassari.
Interverranno anche i presidenti regionali di Confagricoltura che hanno voluto e reso possibile l’incontro, Fabio Rossi per l’Umbria, Francesco Miari Fulcis per la Toscana, Giovanni Manzotti per le Marche, Sergio Ricotta per il Lazio ed Eugenia Bergamaschi per l’Emilia Romagna.

Confagricoltura-Umbria
Foto presa da Umbriajournal

 

 

 

 

 

 

FONTE: Ufficio stampa Confagricoltura Umbria

Press Italia

Autore: Press Italia