Al Teatro Studio Uno il Collettivo BEstand

In scena dal 16 al 19 gennaio con “De-Siderale” secondo atto di “Mare Anarchico.Trilogia della nuda vita” vincitore del bando di Ricerca Permanente 2019

De-Siderale_16-19 gennaio_2020_Teatro-Studio-Uno_loc
Foto di Sebastiano Cautiero

ROMA – Dopo il debutto dello scorso dicembre al Teatro Galleria Toledo di Napoli per la rassegna “Stazioni D’Emergenza – atto XI”, il Collettivo BEstand porta in scena dal 16 al 19 gennaio al Teatro Studio Uno di Roma “De-Siderale” secondo atto di “Mare Anarchico. Trilogia della nuda vita” vincitore del bando di Ricerca Permanente 2019 del Teatro Studio Uno e ospite all’Ex Asilo Filangieri (Na) per una residenza artistica. In scena Lauraluna Fanina e Angela Dionisia Severino dirette dal regista Giuseppe Maria Martino.
Nel febbraio 2017 un giovane friulano, Michele, si uccide a trent’anni, lasciando una lettera che è stata letta come l’atto d’accusa di una generazione contro una “realtà sbagliata”, da cui “non si può pretendere niente”. Il suicidio è rivendicato come un atto di libertà, e dunque un atto politico: “il futuro sarà un disastro a cui non voglio assistere, e nemmeno partecipare”.
Il lavoro di BEstand parte da questa lettera, non per indagare la vicenda personale del Michele consegnataci dalla cronaca, ma piuttosto per fissare lo sguardo su ciò che di quella lettera, di quell’atto, ci appartiene in quanto generazione.
Non c’è nessuna storia da raccontare, nessuna metafora da cogliere o morale da suggerire, ogni scena è un quadro che consuma nascita-morte del personaggio assente e i quadri non sono collegati cronologicamente ma attraverso un processo di sintesi poetico-estetica che ricapitola di volta in volta il dramma modulandolo in una serie di variazioni sul tema.
Il lavoro, dopo una serie di riflessioni e approfondimenti sul personaggio di Michele, trova un sua definizione in absentia. Michele è in scena solo quando evocato, un’apparizione, o meglio un fantasma. Il punto di vista scelto è quello di una madre che attraversa il vuoto lasciato da suo figlio. La donna apre e chiude l’opera in quello che sembra un grande rito funebre a tappe. Intorno alla vicenda gravitano una serie di personaggi – vicini, conoscenti, giornalisti, psicologi da talk show – coinvolti o interpellati a dire la loro, a interpretare o “normalizzare” il gesto del suicida.
BEstand è un collettivo di autori che si pone domande sull’esistenza, il politico e l’attualità e le traduce in arte performativa per rifondare un orizzonte nell’immaginario collettivo, fondato nel 2018 dagli autori Agnese Ferro, Giuseppe Maria Martino e Dario Postiglione, del quale, pochi mesi dopo, entra a far parte l’organizzatore teatrale Emanuele Sacchetti, conosciuto alla Scuola Elementare del Teatro di Davide Iodice.

BEstand
presenta
De-Siderale
secondo atto di Mare Anarchico.Trilogia della nuda vita
di Giuseppe Maria Martino e Lauraluna Fanina
regia Giuseppe Maria Martino
con Lauraluna Fanina e Angela Dionisia Severino
Dramaturg Dario Postiglione
Scene Simona Batticore
Luci Sebastiano Cautiero
Suono Mauro Varchetta
Organizzazione e distribuzione Emanuele Sacchetti
Foto di scena Armando Francesco Serrano
Produzione Teatro Studio Uno
co-produzione Casa del Contemporaneo
con il sostegno di Ex Asilo Filangieri di Napoli
si ringrazia Vincenzo del Prete per la supervisione artistica
dal 16 al 19 gennaio 2020
Teatro Studio Uno via Carlo della Rocca, 6 Roma

De-Siderale” 16-19 gennaio 2020
Teatro Studio Uno, Via Carlo della Rocca, 6 (Torpignattara).

Ingresso 12 euro. Tessera associativa gratuita
Giov – Sab ore 21,00 e Dom ore 18.00

PRENOTAZIONI http://j.mp/prenotaTS1
Per info: 3494356219- 3298027943

www.teatrostudiouno.com info.teatrostudiouno@gmail.com

FONTE: Teatro Studio Uno.

Press Italia

Autore: Press Italia

Agenzia di informazione fondata e diretta da Mauro Piergentili. Tra i suoi servizi news e comunicati stampa: Arte, Cultura, Enogastronomia, Economia, Esteri, Scienza, Cinema, Teatro, Turismo,...