Coronavirus, Chef Colonna: “Abbacchio, carciofi e lasagne, la tradizione pasquale”

'Sono un inguaribile ottimista, nell’uovo di Pasqua troveremo la ripartenza del Paese'

Lo chef Antonello Colonna
Lo chef Antonello Colonna

“Abbacchio alla cacciatora con patate e carciofi fritti, lasagne al sugo con spuntature di maiale, al ragù o con la salciccia, zuppa inglese preparata naturalmente con il ‘vecchio’ alchermes. Piatti tipici, tradizionali da fare in casa magari in collaborazione con i più piccoli”. È quanto dichiara all’Adnkronos lo chef romano Antonello Colonna dal suo a buon retiro di Labico. Alcuni suggerimenti utili su cosa mettere a tavola il giorno di Pasqua.
“Naturalmente non possono mancare le uova e la colomba e la ricca, ricchissima colazione di rito con coratella, frittata di zucchine e uova sode, primo sale e casatiello, immancabile nelle case dei napoletani. Al bando caffè liofilizzati e cialde io tifo sempre per l’eterna moka”.
E per i palati più sofisticati Antonello Colonna consiglia abbacchio brodellato, a base di uova, e stracciatella di brodo. “Sarà veramente una Pasqua diversa – aggiunge- Forse non ci saranno quest’anno le grandi tavolate, ma sono convinto che sarà un momento che anticiperà la grande ripartenza del nostro Paese. Ne sono fortemente convinto – conclude – E mi auguro sia quello che tutti gli italiani possano trovare all’interno dell’uovo di Pasqua”.

FONTE: AdnKronos

Press Italia

Autore: Press Italia

Agenzia di informazione fondata e diretta da Mauro Piergentili. Tra i suoi servizi news e comunicati stampa: Arte, Cultura, Enogastronomia, Economia, Esteri, Scienza, Cinema, Teatro, Turismo,...