“L’acqua, l’insegna la sete – Storia di classe” (docu-film)

Storia di Classe di Valerio Jalongo in concorso al festival Visions Du Réel e poi da maggio in uscita su piattaforma digitale

1973-in
1973

Sarà in Concorso, nell’ambito del festival internazionale di cinema di Nyon Visions Du Réel, “L’acqua, l’insegna la sete – Storia di classe”, il nuovo film docu-film di Valerio Jalongo, dopo il successo di “Il senso della bellezza”.
Il film sarà visibile online, gratuitamente, sabato 25 aprile su rts.ch, srf.ch e rsi.ch a partire dalle ore 17.00 e per 24 ore, nell’ambito del festival svizzero; l’uscita in Italia, precedentemente annunciata in sala, è prevista a maggio su una piattaforma digitale.
Lopez, un professore in pensione, ritrova in un vecchio giornale di classe “L’acqua, l’insegna la sete”, una struggente poesia di Emily Dickinson che in pochi versi rivela come la vita ci insegni il valore delle cose. Lopez ha conservato tutto di quella classe (la classe 1ª E dell’istituto Roberto Rossellini di Roma): compiti, temi, e il video diario girato insieme ai ragazzi quindici anni prima. Tanto lavoro e buona volontà, eppure molti ragazzi di quella classe avevano abbandonato prima del tempo, non avevano mai preso un diploma. Un’amara sconfitta per la scuola e per chi ci si era dedicato con passione.
Sull’onda di quella poesia e dei suoi ricordi, il prof. Lopez sente il bisogno di sapere cosa è rimasto di quegli anni passati insieme, e parte così alla ricerca dei suoi alunni, che oggi sono ormai dei “vecchi” trentenni. Porta loro in dono i temi che ha conservato. Rileggendoli insieme, riaffiorano confessioni, storie, momenti di scuola… nel corso degli anni non tutto è andato per il verso giusto: ci sono stati momenti drammatici, sconfitte, delusioni. Il prof scopre che nessuno dei ragazzi fa il mestiere per il quale la scuola lo aveva preparato. Ma scopre che ognuno di loro è cresciuto in una direzione diversa e imprevedibile, trovando in se stesso le risorse per reinventarsi: Yari, Jessica, Lorenzo, Gianluca, Corinna, Alessio… A poco a poco emerge un ritratto intimo sul destino di ognuno, e la storia di una classe fra tante, che a volte sembra inseguire i versi di una poesia.
«Le immagini di questa straordinaria vicenda – racconta il professor Lopez -, insieme ai loro compiti e scritti conservati gelosamente, non potevano rimanere nel cassetto dei ricordi. Perché la scuola non è vera scuola se non ha porte e finestre aperte alla vita. Così anche quindici anni dopo, quegli anni e quelle immagini sono tornati presenti all’appello, si sono riannodati alla vita. Così, con fatica, sofferenza e passione, grazie a molti di quei ragazzi della 1ª E ritrovati giovani uomini e donne, alle prese con le sfide del presente e alla tenacia e alla creatività di Valerio, si è prodotta l’ultima straordinaria metamorfosi narrativa e poetica di quel vecchio progetto didattico, di quella loro e nostra “storia di classe”».
«Facendo questo film – racconta il regista Valerio Jalongoho capito cose che non mi erano affatto chiare come professore: ho capito che a volte anche i professori migliori sono coinvolti in promesse che la scuola non riesce a mantenere. Come Lopez e molti suoi colleghi, promettevamo ai nostri studenti che se si fossero impegnati, se si fossero dimostrati meritevoli avrebbero avuto un lavoro sicuro, certezze, riconoscimenti… non immaginavamo che il mondo stava preparando per quei ragazzi un futuro precario, pieno di passi indietro anche nei diritti che consideravamo acquisiti per sempre».
Diretto da Valerio Jalongo; scritto da Linda Ferri e Valerio Jalongo in collaborazione con Gianclaudio Lopez; fotografia di Massimo Franchi; montaggio di Mirco Garrone e Lizi Gelber; musiche originali di Mario Tronco.
“L’acqua, l’insegna la sete – Storia di classe” è una coproduzione svizzera-italiana AURA Film, RSI Radiotelevisione svizzera, Ameuropa International con RAI Cinema; prodotto da Enzo Porcelli per Aura Film, Silvana Bezzola Rigolini per RSI Radiotelevisione svizzera, con il sostegno di MIBACT, Regione Lazio, Ufficio Federale della Cultura, Repubblica e Cantone Ticino, FilmPlus della Svizzera italiana, Suissimage.
Si ringraziano i contatti dell’Ufficio Stampa P&V e della RSI.

1972-1
1972
Avatar

Autore: Franco Baccarini

Scrittore, saggista, autore di articoli per giornali cartacei e telematici, di testi per il teatro e di cortometraggi. Teatrografia 2007 – Autore del dramma in atto unico “Insostituibili assenze”. Filmografia 1996 – Soggettista, sceneggiatore e regista del video-clip “Anatomia dell’altro volto di una metropoli”. 2012 – Soggettista e sceneggiatore del cortometraggio “La ragazza e il mare” (regia di E. Colombo). 2013 – Soggettista e sceneggiatore del cortometraggio “Un amore da proteggere” (regia di L. Greco). Bibliografia 1996 – “Il rapporto tra cinema e romanzo” (Centro Studi Cinematografici). 1999 – “Francois-René de Chateaubriand a Roma e dintorni” (Lazio Ieri e Oggi). 2004 – “L'amore nel cinema” (Il Filo Rosso). 2007 – “Cinema e tecnologia” (Il Filo Rosso). 2007 – “Appunti sul rapporto tra cinema e romanzo” (Il Filo Rosso). 2008 – “Bioetica animalista. Dagli aspetti socio-filosofici alle applicazioni pratiche nella sperimentazione clinica dei farmaci” (Edizioni Universitarie Romane). 2009 – “La Tecnoetica nel Cinema. Bioetica del Futuro” (Edizioni Palombi). 2010 – Capitolo “Tecnoetica nel Cinema” all’interno del volume “Tecnicizzare l’uomo o umanizzare la tecnica?” (Edizioni LEV), di Autori Vari. 2012 – “Tecnoetica e Cinematografia” (Edizioni Universitarie Romane). 2013 – “Tecnoetica e Cinematografia (in versione e-book)” (Edizioni Universitarie Romane).