Il 55° Trofeo Luigi Fagioli va a Christian Merli

Concluso il secondo round del Campionato Italiano Velocità Montagna

Simone Faggioli secondo classificato su Norma M20 FC - Foto di Giordano Bei Angeloni
Simone Faggioli secondo classificato su Norma M20 FC – Foto di Giordano Bei Angeloni

GUBBIO (PG) – Si è chiusa ieri l’edizione numero 55 del Trofeo Luigi Fagioli, secondo round del Campionato Italiano Velocità Montagna: edizione svoltasi a porte chiuse per via delle norme anti Covid-19 con paddock in zona stadio “Pietro Barbetti”; per questo motivo l’organizzazione ha deciso di fare una diretta video su “Arancia Live” così da permettere a tutti gli appassionati di cronoscalate di potersi godere i loro beniamini da casa in tutta tranquillità.

La vittoria assoluta e di gruppo E2SS è andata a Christian Merli su Osella FA 30 Zytek LRM, aggiudicatosi entrambe le manches con il tempo assoluto di 3’08.14.
Al secondo posto assoluto si è piazzato Simone Faggioli che a bordo della sua Norma M20 FC Zytek è arrivato a soli 0’6 decimi da Merli nell’assoluta, vince anche il gruppo E2SC.
Si è classificato terzo assoluto e secondo di gruppo E2SS Domenico Cubeda su Osella FA30, che è stato l’unico pilota a mettere pressione a Merli e Faggioli che di solito sono “inarrivabili”.

Nel gruppo CN la vittoria è andata a Rosario Iaquinta su Osella Pa21 Honda, davanti all’eugubino Gianni Urbani sempre su Osella Pa21 Honda.
La vittoria del gruppo GT è di Lucio Peruggini a bordo della Lamborghini Huracan GT3 davanti Maurizio Pitorri e Roberto Ragazzi, entrambi su Ferrari 488.
Nel gruppo E2SH il primo posto è per Marco Gramenzi al volante della sua Alfa 4C, mentre in E1 Italia la vittoria è di Giuseppe Aragona sulla Mini Cooper 1.6 T, davanti a Andrea Palazzo su Peugeot 308 Rc e Carmine Tancredi su Ford Escort.
Il gruppo A è stato vinto da Rudi Bicciato su Mitsubishi Lancer Evo, mentre nel gruppo N ha trionfato Antonino Migliuolo su Mitsubishi Lancer EVO IX davanti a Lorenzo Mercati sempre su Mitsubishi Lancer EVO IX.
La vittoria nel gruppo Racing Start Plus è andata a Vito Tagliente davanti a Oronzo Montanaro, entrambi su Peugeot 308 Gti, mentre tra le Racing Start il vincitore è Angelo Marino su Mini Cooper davanti a Lukas Bicciato sempre su Mini Cooper e Antonio Scappa su Mini Cooper turbo diesel. Antonio Scappa è stato protagonista di un duello fino all’ultimo chilometro con Giovanni Loffredo per aggiudicarsi la vittoria delle turbo diesel, alla fine ne è uscito vincitore proprio Scappa per soli 43 centesimi.

La vittoria delle Bicilindriche(Fiat 500 minicar) è andata ad Andrea Currenti davanti a Pasquale Coppola e Pasquale Pastore.

A vincere nelle autostoriche è Roberto Turriziani che a bordo della sua Osella PA 9/90 ha ottenuto il tempo assoluto di 4’19.27; tra l’altro è stata la sua prima vittoria a Gubbio.

La Coppa Dame è andata ancora una volta a Deborah Broccolini su Mini Cooper, al secondo posto si è piazzata Jessica Scarafone su Citroen AX e, al terzo l’orvietana Giulia Gallinella su Peugeot 106.

Nonostante la mancata presenza di pubblico, la competizione è stata come sempre appassionante lungo il tracciato di 4150 metri che da Gubbio arriva fino alla Madonna della Cima.
Quest’anno il Memorial Angelo e Pietro Barbetti è stato consegnato simbolicamente agli operatori sanitari che si sono tanto adoperati nella lotta contro il Covid-19, rappresentati dall’Ordine dei Medici di Perugia.

Infine, il Memorial Mauro Rampini è stato assegnato al pilota tuderte Alessandro Alcidi, miglior umbro al traguardo.

Di seguito vi lascio qualche scatto della manifestazione – in copertina il vincitore Christian Merli su Osella FA 30 Zytek LRM

Foto di Giordano Bei Angeloni