Vino Nobile di Montepulciano

Il futuro del Vino Nobile di Montepulciano è tutto racchiuso nella sua storia

foto Andrea Rossi 2019-in
Foto Andrea Rossi 2019

Il 2020 è l’anno dei 40 anni dalla prima fascetta Docg d’Italia, e il lavoro del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano va proprio alla ricerca delle origini e della chiave per lavorare nel futuro della denominazione. Un percorso che nasce in primo luogo dal lavoro del consorzio, dalla promozione, alla ricerca della qualità, per dare vita a un vero e proprio confronto guardando al domani. «Abbiamo voluto guardare la nostra denominazione dal “di dentro” attraverso il lavoro e le percezioni dei principali attori del Vino Nobile di Montepulciano, i suoi produttori – commenta Andrea Rossi, presidente del Consorzio di tutela – con l’obiettivo chiave di individuare nella maniera più concreta l’attuale identità della denominazione, i suoi punti di forza, ma anche quelli di debolezza, quindi di disegnare le strategie migliori per guidare al meglio il suo sviluppo nel futuro, per questo è fondamentale partire dai produttori stessi e dalla storia del nostro vino».
Diversi gli strumenti per raggiungere questo obiettivo, a partire da una serie di seminari tecnici interni durante i quali i produttori si sono confrontati sulla denominazione guardando fuori dai confini del territorio, iniziativa questa portata avanti dalla commissione qualità consortile. Grazie al lavoro della commissione promozione è stata realizzata una sorta di carta di identità della denominazione che ogni azienda può utilizzare per parlare del Vino Nobile di Montepulciano nel mondo. E’ in fase di realizzazione la nuova immagine del Consorzio, con un progetto grafico in dirittura di arrivo. Un progetto di recupero della storia e dell’identità passata, a partire dalle indagini sul nome stesso della Docg più antica d’Italia. Inoltre, da luglio scorso, la parola “Toscana” in etichetta per una maggiore chiarezza sullo scaffale.
Nasce la rivista sugli studi storici del Vino Nobile di Montepulciano. “Storia del Vino Nobile di Montepulciano” è il titolo del periodico, finalizzato a ricostruire, la storia del vino di Montepulciano, e del Nobile in particolare, realizzando e favorendo studi originali e ricerche, soprattutto di tipo documentario, andando a scartabellare negli spesso inesplorati archivi storici della città e di altri luoghi. L’iniziativa, nata in collaborazione con la Società Storica Poliziana, trova la sua ragione d’essere nell’eccezionale importanza che ha avuto Montepulciano per la storia del vino, già dagli Etruschi; prodotto che rese la città uno dei luoghi più importanti della realtà vitivinicola europea, e quindi anche mondiale, in particolare dal secolo XVI al XVIII; verranno affrontate tematiche quali la qualità delle uve coltivate in epoca storica, la modalità di coltura, la qualità dei vini prodotti e, soprattutto, la tecnologia produttiva del vino. Il primo numero è uscito nel mese di agosto.
1980-2020: 40 anni di Docg. Correva l’anno 1980 quando l’allora Ministero dell’Agricoltura e delle Foreste rilasciava la prima fascetta che identificava una denominazione vinicola come “garantita” (D.O.C.G.). Si apriva così una nuova era per il vino italiano. Questa fascetta, serie AA n° 000001, è oggi conservata negli uffici del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano ed è l’immagine simbolo dei festeggiamenti per il quarantennale che ricorrerà per tutto l’anno 2020. La storia della fascetta AA 000001 è molto lunga. Sono infatti occorsi circa 11 anni di riunioni, incontri, richieste da quando, nel lontano 1969, il Consorzio fece richiesta della DOCG (Legge 930/63), a quando questa è stata riconosciuta nel 1980. Il Consorzio del Vino Nobile, primo in Italia, divenne così una vera e propria rompighiaccio nel mare della burocrazia fino al 1978, data della pubblicazione in Gazzetta della richiesta di modifica al disciplinare del Nobile.

Fascetta n.1-1
Fascetta n.1
Isabella Ceccarelli

Autore: Isabella Ceccarelli

Isabella Ceccarelli Isabella Ceccarelli, classe '75, giorno e mese fatale: 11 Novembre, data dedicata a San Martino, quando ogni mosto è vino. La contraddistingue una spiccata passione per il vino. Ma anche per l'arte e la poesia. Partecipa a mostre ed è instancabile nello scrivere poesie e pensieri (che vorrebbe mettere in un blog). Tutto legato dall'ormai sconosciuto filo conduttore dei sentimenti e dalla vena di una sottile cultura. Cell. +39 346 0632204